Prodotti presenti nel carrello (0)



Roma, - chiesa santa maria consolatrice
SISTEMA DI DIFFUSIONE AUDIO INTERNO CHIESA - RIPRODUTTORE DI SUONO CAMPANE:

1° INTERVENTO : LO STAFF TECNICO DEL CENTRO CHIESA HA OTTENUTO UN IMPORTANTE MIGLIORAMENTO DELL'IMPIANTO PREESISTENTE CON L'UTILIZZO DI UN AMPLIFICATORE PER CHIESE INTEGRATO DI MIXER E ANTILARSEN DIGITALE. SONO STATI APPLICATI INOLTRE MICROFONI PANORAMICI GOOSENECK PROFESSIONALI (COSIDETTI A COLLO DI CIGNO).

2° INTERVENTO : RIPARAZIONE CAMPANILE ELETTRONICO

cenni storici : VISITA DEL PAPA ALLA PARROCCHIA NELL'ANNO 2006

Il papa alla parrocchia di Santa Maria Consolatrice, nel quartiere di Casal Bertone a Roma



L'omelia nella parrocchia di Santa Maria Consolatrice

Questa mattina, alle ore 9.00, il Santo Padre Benedetto XVI si è recato in visita pastorale alla Parrocchia di Santa Maria Consolatrice a Casal Bertone, nel settore Est della Diocesi di Roma. Il papa ha ivi presieduto la celebrazione Eucaristica nel corso della quale, dopo la proclamazione del Vangelo, ha pronunciato l’omelia che riportiamo di seguito:

Cari fratelli e sorelle,

è per me realmente una grande gioia essere qui con voi questa mattina e celebrare con voi e per voi la Santa Messa. Questa mia visita a Santa Maria Consolatrice, prima parrocchia romana in cui mi reco da quando il Signore ha voluto chiamarmi ad essere Vescovo di Roma, è infatti per me in un senso molto vero e concreto un ritorno a casa. Mi ricordo molto bene di quel 15 ottobre 1977, quando presi possesso di questa mia chiesa titolare. Parroco era Don Ennio Appignanesi, viceparroci erano Don Enrico Pomili e Don Franco Camaldo. Il cerimoniere che mi era stato assegnato era Mons. Piero Marini. Ecco, tutti siamo di nuovo qui insieme! Per me è realmente una grande gioia.

Da allora in poi il nostro reciproco legame è divenuto progressivamente più forte, più profondo. Un legame nel Signore Gesù Cristo, di cui in questa chiesa ho celebrato tante volte il Sacrificio eucaristico e amministrato i Sacramenti. Un legame di affetto e di amicizia, che ha realmente riscaldato il mio cuore e lo riscalda anche oggi. Un legame che mi ha unito a tutti voi, in particolare al vostro parroco e agli altri sacerdoti della parrocchia. E’ un legame che non si è allentato quando sono diventato Cardinale titolare della Diocesi suburbicaria di Velletri e Segni. Un legame cha ha acquisito una dimensione nuova e più profonda per il fatto di essere ormai Vescovo di Roma e vostro Vescovo.

Sono poi particolarmente lieto che la mia visita odierna – come Don Enrico ha già detto – si compia nell’anno in cui celebrate il 60° anniversario dell’erezione della vostra parrocchia, il 50° di ordinazione sacerdotale del nostro carissimo parroco Mons. Enrico Pomili, e finalmente i 25 anni di episcopato di Mons. Ennio Appignanesi. Un anno dunque nel quale abbiamo speciali motivi per rendere grazie al Signore.

Saluto ora con affetto proprio lo stesso Mons. Enrico, e lo ringrazio per le parole tanto gentili che mi ha rivolto. Saluto il Card. Vicario Camillo Ruini, il Card. Ricardo Maria Carles Gordò, titolare di questa chiesa, e quindi mio successore in questo Titolo, il Card. Giovanni Canestri, già vostro amatissimo parroco, il Vicegerente, Vescovo del Settore Est di Roma, Mons. Luigi Moretti; abbiamo già salutato Mons. Ennio Appignanesi, che è stato vostro parroco, e Mons. Massimo Giustetti, che fu vostro vicario parrocchiale. Un saluto affettuoso ai vostri attuali vicari parrocchiali e alle religiose di Santa Maria Consolatrice, presenti a Casalbertone fin dal 1932, preziose collaboratrici della parrocchia e vere portatrici di misericordia e di consolazione in questo quartiere, specialmente per i poveri e per i bambini. Con i medesimi sentimenti saluto ciascuno di voi, tutte le famiglie della parrocchia, coloro che a vario titolo si prodigano nei servizi parrocchiali.